Reggina-Sicula Leonzio: tra rinnovi e cambi in panchina, adesso la palla passa al campo

Dimenticare e ripartire: dovranno essere due punti fermi nella mente dei calciatori della Reggina. Vincere per interrompere la serie negativa e per risollevare sia il proprio morale che quello dei tifosi. Alla vigilia della gara, in casa Reggina è arrivato anche il rinnovo del tecnico Maurizi fino al 2019. Al cospetto degli amaranto c’è la Sicula Leonzio, reduce anch’essa da un lungo periodo senza vittorie e con dei calciatori particolarmente motivati per via del cambio d’allenatore. Insomma, la voglia di fare bene è tanta da entrambe le squadre ed il verdetto finale lo esibirà solamente il campo.

COME ARRIVA LA REGGINA

La sconfitta contro l’Akragas, a pensarci, brucia ancora. Nella gara di questa sera, però, bisognerà mettere la freccia e svoltare verso la via della vittoria, che manca da sei gare (Coppa Italia compresa). Servirà anche una prestazione con la “p” maiuscola per scacciare i fantasmi e far alzare l’asticella morale, ferma al minimo. Una gara da affrontare con il coltello tra i denti e da vincere a tutti i costi. Una gara che servirà per capire veramente di che pasta è fatta questa Reggina. Intanto In casa amaranto è arrivato il rinnovo di Maurizi che siederà (per modo di dire) in panchina fino al 2019. Resta fuori Sciamanna per infortunio e Maesano per scelta tecnica oltre a Garufi (stagione finita). Maurizi potrebbe cambiare modulo così come potrebbe proseguire con il consueto 4-3-1-2 con Di Livio che potrebbe partire dal primo minuto.

COME ARRIVA LA SICULA LEONZIO

Tre punti nelle ultime sette gare, ma per via di tre pareggi e non per una vittoria. Una vittoria che, come la Reggina, manca dal 28 ottobre, ovvero dalla gara vinta conto l’Akragas che proprio domenica scorsa battè la Reggina. Una squadra, quella di Lentini, che si ritrova “parcheggiata” al quartultimo posto in classifica, l’ultimo disponibile per disputare i playout. Cambio d’allenatore sulla panchina della “Vecchia Signora di Sicilia” con l’ex calciatore della Reggina, Aimo Diana, che è subentrato a Pino Rigoli. Diana che non avrà a disposizione gli attaccanti Arcidiacono (calciatore di spessore nel reparto offensivo siciliano) e Bonfiglio.

PROBABILI FORMAZIONI

REGGINA (4-3-1-2): Cucchietti; Solerio, Di Filippo, Laezza, Pasqualoni; Porcino, Mezavilla, Marino; De Francesco; Di Livio, Bianchimano. All.Maurizi

SICULA LEONZIO (4-3-3): Narciso; Squillace, Gianola, Camilleri, Aquilanti; Esposito, Davì, Marano; Bollino, M.Ferreira, Gammone. All.Diana

GLI EX DI TURNO…

Sono sei gli ex complessivi di questa gara, con la maggioranza che milita tra le file bianconere. da Gianola a Marino, passando per Camilleri, Squillace, Russo e, l’ultimo arrivo in casa bianconera, mister Diana. È proprio mister Diana il più “vecchio” ricordo amaranto. La sua cavalcata lungo la fascia in quel di Bergamo per l’assist al gol di Bonazzoli allo spareggio contro l’Atalanta è ormai un ricordo scolpito nella mente dei tifosi amaranto. Dagli ex più lontani si passa a quelli più recenti come Gianola e Marino, entrambi rispettivamente nella Reggina e nella Sicula Leonzio nella scorsa stagione. Esperienza in prima squadra per Camilleri che dopo le parentesi con Chelsea e Juventus torna in riva allo stretto dove fa il suo esordio in Serie A, serie dove totalizza due presenze. Ultima stagione in amaranto targata 2014/15 con 21 presenze totalizzate. Solo giovanili per Squillace e Russo.

I PRECEDENTI

Non vi sono precedenti tra le due compagini eccetto l’amichevole pre-campionato giocata al Sant’Agata e terminata sul risultato di 1-1 (De Francesco e Bonfiglio, entrambi su rigore).

L’ARBITRAGGIO

L’arbitro della gara sarà il sig. Annaloro di Collegno, coadiuvato dagli assistenti Catamo e Rotondale. Due precedenti senza vittorie tra Annaloro e la Reggina: la gara persa 0-3 contro il Melfi (della scorsa stagione) ed il pareggio per 1-1 contro la Paganese della stagione attuale.

Leggi anche:

Lascia un commento