Reggina, M.Praticò a 360°: campionato, curva, situazione economica, rinnovi (Porcino, De Francesco, Basile, Maurizi) e…

Le parole del presidente della Reggina, Mimmo Praticò, alla trasmissione Fuorigioco in onda su Rtv e condotta da Andrea Ripepi.

Sull’Akragas – Questo campionato sta dimostrando che una squadra può vincere quattro partite consecutive così come può perderle. Adesso l’Akragas sta vivendo un momento societario difficile. Sabato, con voglia di rivalsa, potranno fare la “partita della vita”.

Sulla partita – Ci aspettavamo si giocasse in questo modo. La speranza era quella di vincere la partita per mantenerci metà classifica. Ritengo che è importante arrivare a quei famosi 40 punti per salvarci. È stata una partita giocata all’insegna della grinta dove tutte le squadre, tranne le prime tre, giocano allo stesso livello. C’è stato anche il rischio di perdere la partita. Prendiamoci questo pareggio e guardiamo al futuro con serenità.

Squadra spenta ? Niente affatto. Non ha dato quello che ha dato nelle prime partite, ma ci può stare che una squadra giovane non possa avere tanta continuità a questi livelli.

Sull’iniziativa delle scuole – Sono molto soddisfatto del successo dell’iniziativa. Ringrazio dirigenti, docenti e, ovviamente, i ragazzi. Abbiamo dato la nostra disponibilità per continuare fino alla fine del campionato sperando che i numeri dei ragazzi crescano sempre di più. Ringrazio di cuore i ragazzi che hanno anche fatto un bel tifo, coinvolgendo anche molte persone in tribuna.

Sul silenzio della Curva – Mi auguro ci possa essere un cambio di tendenza della curva sud, invidiata da tutt’Italia. Bisogna venire allo stadio per tifare la propria squadra. Dopo Catania non ho avuto modo di confrontarmi con i ragazzi della Curva, prima Catania invece si. Ci tengo che la Curva sia il settore trainante del tifo reggino.

Rinnovi di Porcino e De Francesco ? Entrambi sono due nostre colonne. Abbiamo dato la disponibilità di sederci per trattare. Da parte della società si farà il possibile per trattenerli ma il loro futuro dipende da loro. Se hanno una prospettiva di Serie B nell’immediato non possiamo fare niente.

Zavettieri ? Una persona che stimo molto.
Un futuro sulla panchina della Reggina ? Nella vita mai dire mai. Oggi abbiamo un signor allenatore, molto preparato che dice le cose come stanno e non illude (e non si illude).

Basile e Maurizi in scadenza, rinnovi anche per loro ? Da parte della società c’è la massima disponibilità. Avremmo modo di sederci per parlare del futuro. Sono soddisfatto del lavoro che hanno fatto fino ad ora.

Di Livio ? È un bravissimo ragazzo. È chiaro che si deve impegnare molto di più per mostrare le sue grandi qualità. È un ragazzo a cui teniamo molto come persona e per questo vogliamo che mostri le sue eccelse qualità.

Dobbiamo fare tesoro di questo momento di difficoltà per ripartire.

Il manto erboso del Granillo ha bisogno di interventi. Ci proviamo continuamente a comunicarlo a chi di competenza.

Il campionato di C è un inferno da dove tutti, in primis la città di Reggio Calabria, vorremmo scappare. È un campionato dove ci sono regole ferree. Ad esempio, il 30 Novembre ci sarà l’assemblea di Lega e alla società che non si presenterà toccherà un’ammenda di oltre 20 mila euro. 

Situazione economica della società ? Questa mattina c’è stato il controllo della Deloitte mentre venerdì quello della Covisoc e non ci è stato contestato nulla. Ad oggi siamo una società a posto sotto l’aspetto fiscale (stipendi ecc…). Le mie dichiarazioni passate sono state di incitamento, non perché siamo in condizioni pessime. Non sono pessimista ma voglio guardare sempre avanti.

Serie B ? A tutti piacerebbe, chi non vorrebbe, ma bisogna fare i conti con la realtà. Sognare è bello ma è diverso dall’illusione, e noi non vogliamo illudere la gente.

Le critiche costruttive vanno rispettate e aiutano a crescere. Gli altri tipi di critiche, invece, danneggiano in primis la squadra. In 69 anni non ho mai subito attacchi così cattivi ma non intervengo perché altrimenti romperei il giocattolo e non lo faccio per i nostri tifosi. Ma non permetto a nessuno di calpestare la mia dignità, sia chiaro.

Contro l’Akragas senza Bianchimano e De Francesco ? I ragazzi che li sostituiranno scenderanno in campo con la bava alla bocca.

Sulla gara contro l’Akragas – Una partita in cui troveremo delle difficoltà ma dove dovremmo scendere in campo lottando verso un unico risultato.

Leggi anche:

Lascia un commento