REGGINA – Da Porcino a Marino: l’incrocio di Monopoli è una tipicità amaranto (VIDEO)

Stesso stadio, stessa porta, stesso incrocio, interpreti diversi. Le rete del gol dell’1-0 di ieri firmata Marino ha la stessa bellezza e lo stesso stile di quella realizzata la passata stagione da Antonio Porcino proprio contro il Monopoli.

Lo scorso 18 Settembre, alla quinta giornata di campionato, al “Veneziani” fù il reggino Toti Porcino ad aprire le marcature dopo un minuto e mezzo di gioco con un gran gol all’incrocio dei pali al termine di un’azione precisa e ben costruita che permise alla Reggina di passare in vantaggio, ma solo per 24 minuti. Poi il pareggio di testa di Esposito su calcio piazzato e risultato in ghiaccio fino al fischio finale. Gara con qualche rammarico per la Reggina che ha avuto più volte la possibilità di chiudere la partita ed uscire vittoriosa dalla regione Puglia.

Qualche rammarico anche nella gara di ieri dove i biancoverdi non hanno creato particolari occasioni da gol (apparte la rete del pareggio) ed hanno subito il “ritorno della Reggina”. Reggina che non riesce a sfatare il tabù “Veneziani” ma che convince il popolo amaranto e mette a segno una rete, quella di Marino, frutto di un’azione manuale partita dalla difesa.

Porcino-Marino: la porta è quella, l’incrocio pure. E le ragnatele levate…

La porta è quella, l’incrocio pure. Due gol simili nella realizzazione e belli allo stesso modo a distanza di un anno, o meglio, di 398 giorni.  Entrambi realizzati nella prima frazione (Porcino al ‘2, Marino al ’37), entrambi valevoli per l’1-0 amaranto con la differenza che nella gara di ieri i padroni di casa hanno trovato un pareggio immediato. Posizione ? Limite esterno dell’area di rigore per Porcino, limite interno dell’area di rigore per Marino con il primo che ha insaccato da posizione più defilata rispetto al secondo, più accentrato in direzione della porta avversaria.

Lo sviluppo dell’azione…

Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo: come l’anno passato, gol arrivato al termine di un’azione da manuale. Nella gara della scorsa stagione, azione sviluppatasi nella metà campo degli avversari con una rete di passaggi targata De Francesco, Botta, Coralli e Oggiano per la conclusione finale di Porcino indirizzata a levar via le “ragnatele” all’incrocio. Azione partita dalla difesa, invece, nella gara di ieri, con il centrocampista Marino che inizia e finisce la stessa capitalizzando il pallone in rete. Sei passaggi portano gli amaranto dal reparto difensivo al gol del vantaggio. Lo stesso centrocampista ex Sicula Leonzio difende il pallone a centrocampo e tocca indietro per Solerio che, dopo aver eseguito l’uno-due con De Francesco, va per vie centrali da Fortunato che verticalizza per Porcino, il quale mette un pallone basso in mezzo all’altezza del dischetto dell’area di rigore che, messo fuori dalla difesa biancoverde, viene raccolto da Marino che con un tiro piazzato di prima intenzione scaccia le cosiddette “ragnatele” dall’incrocio e porta avanti i suoi.

Porcino prima, Marino poi. A distanza di una stagione il gol all’incrocio in quel di Monopoli si ripete sembrando oramai un’abitudine, che detiene però il fascino della prima volta…

Leggi anche:

Lascia un commento