REGGINA – Contro l’Andria brusco calo degli spettatori. Reggio, sostieni i tuoi colori!

Buoni risultati dal campo, un po meno sugli spalti. Il 2-0 di ieri contro l’Andria ha sicuramente ridimensionato il morale della squadra, ma manca ancora qualcosa…

Manca la gente allo stadio o meglio, manca quella gente che si è vista nelle scorse partite ma che sembra essere scomparsa dopo le due sconfitte consecutive. I numeri sugli spalti riguardanti la gara di ieri pomeriggio non sono di certo confortanti. Il numero degli spettatori amaranto è stato di 2552 unità, il dato peggiore di questa stagione in casa Reggina. Addirittura più di 1.000 unità in meno rispetto alla gara contro il Cosenza e 1.400 (sempre in meno) rispetto alla gara contro il Catanzaro.

Non sarà stata una partita di cartello o tantomeno un derby, ma i numeri legati al pubblico non devono (o meglio dovrebbero) assolutamente dipendere da questo. Gli alibi legati alla fascia oraria (16:30) e/o al giorno della gara (sabato) sono di reale verità per alcuni ma una scusante, appunto, per altri. In città non campeggia l’entusiasmo delle prime partite e l’affluenza allo stadio ne è la prova più lampante. Ad accendere il clima del “Granillo”, seppur per metà tempo, ci pensa la Curva Sud che, dopo i consueti primi 45 minuti di silenzio per protesta, animano un’ambiente pressoché “morto” sino ad allora.

Ci teniamo a precisare che questa poca presenza allo stadio non riguarda solo la Reggina e Reggio Calabria (che ha comunque dimostrato di saper rispondere presente ai grandi eventi) bensì a quasi tutte le realtà calcistiche italiane. È oramai un dato di fatto che, in molte piazze, in base alle prestazioni della squadra, aumenta/diminuisce l’affluenza degli spettatori.

Quello che tutt’oggi è lo “zoccolo duro” dei tifosi amaranto, non può (non deve) arrestarsi, bensì crescere. Le prestazioni della squadra non dovrebbero condizionare l’amore e la passione di un tifoso (se è tale) verso i propri colori e verso la squadra della propria città.

Si, è solo Serie C e l’obiettivo resta (per ora) una salvezza tranquilla, ma Reggio deve sostenere i propri colori e far sentire tutto il proprio calore a chi scende in campo per onorare una maglia degna di tale importanza. Perchè si sa: a Reggio, nel corso degli anni, è stato il tifo a fare la differenza…

Numeri ufficiali Reggina 1914 riguardo l’affluenza:

Spettatori paganti (reali): 307 di cui 29 ospiti
Quota paganti: € 3.482,00
Abbonati: 2.245
Quota abbonati: € 14.715,64
Spettatori totali: 2.552
Incasso totale: € 18.197,64

Leggi anche:

Lascia un commento