Mister Maurizi in conferenza stampa: “Voglio trasmettere ai miei ragazzi i valori che servono per portare di nuovo a Reggio un risultato positivo”

Queste le dichiarazioni di Mister Agenore Maurizi alla vigilia della gara tra gli amaranto e la Juve Stabia che si disputerà in terra campana: “Io credo che quando è presente un problema, è presente anche una soluzione. Possono incontrarsi nella vita delle difficoltà. Il mio modo di affrontare eventuali problemi è saperle riconoscere e saperle affrontare. Nello specifico, la differenza tra uomini, è il modo di affrontarle.

Bisogna affrontare le difficoltà da uomini. L’esperienza dice sempre che i problemi vengono da lontano. Le cause sono state analizzate con il gruppo di lavoro e devono essere utilizzati gli attributi. Noi abbiamo la volontà di uscire fuori al più presto da questo momento. Dobbiamo chiudere questo girone con rabbia, deve essere una rabbia positiva la nostra. Voglio trasmettere ai miei ragazzi i valori che servono per portare di nuovo a Reggio un risultato positivo. 

Domani affrontiamo una squadra che gioca su un sintetico di nuova generazione, come Trapani per esempio, e che produce un gioco molto rapido. Abbiamo cambiato modulo solo a Trapani, a Lecce e contro la Sicula Leonzio. Noi al momento dobbiamo trovare delle certezza. 

Cucchietti è un ottimo portiere e farà una grande carriera ma è il primo anno che gioca. Noi diamo dei principi che però poi vanno interpretati. 

La squadra ha fatto dei miglioramenti incredibili da punto di vista dell’atteggiamento e degli allenamenti. La cosa che dobbiamo migliorare è l’equilibrio. L’euforia eccessiva non era concepita dopo la vittoria contro il Catania cosi come non è corretta questa profonda depressione dopo questi risultati negativi. 

De Francesco ci sta che possa avere momenti di flessione.

La differenza tra Reggina e Juve Stabia è il momento di forma, ha un’impiantistica di gioco che è un mix tra giovani ed esperti. Non credo ci siano differenze eclatanti di valori.

 

Leggi anche:

Lascia un commento