VIBONESE – Si continua in Serie D: il Tar del Lazio respinge la domanda cautelare. Caffo: “Non ci arrendiamo, vogliamo giustizia”

La Vibonese viene beffata ancora una volta. Anche il Tar del Lazio respinge la domanda cautelare che segna, molto probabilmente, il proseguo nel campionato di Serie D per il club rossoblù. Per i calabresi, tra l’altro, è stato indotto il pagamento delle spese legali di Figc e Lega Pro, che ammontano a 500 euro.

Dopo questa ennesima ingiustizia, la Serie C, adesso, sembra essere un miraggio, ma il presidente Caffo non si arrende.

La risposta del patron rossoblù a seguire al comunicato della sentenza:

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 8704 del 2017, proposto da:

U.S. Vibonese Calcio S.r.l., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dagli avvocati Gabriele Cacciotti, Pierpaolo Cacciotti, con domicilio eletto presso lo studio Gabriele Cacciotti in Roma, via del Mascherino 72;

contro

Lega Italiana Calcio Professionistico – Lega Pro, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dagli avvocati Lorenzo Lentini, Chiara Faggi, con domicilio eletto presso lo studio Placidi Srl in Roma, via Cosseria N. 2;
Federazione Italiana Giuoco Calcio – F.I.G.C., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dagli avvocati Luigi Medugno e Letizia Mazzarelli, con domicilio eletto in Roma, via Panama 58;
C.O.N.I., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dall’avvocato Alberto Angeletti, con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, via Giuseppe Pisanelli N. 2;

nei confronti di

Associazioni Riunite Messina srl, non costituita in giudizio;

per l’annullamento

previa sospensione dell’efficacia,

della decisione prot. n. 00762/17 del 15/09/2017 emessa dal Collegio di Garanzia per lo Sport del CONI e di tutti gli atti comunque connessi;

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Lega Italiana Calcio Professionistico – Lega Pro e di Federazione Italiana Giuoco Calcio – F.I.G.C. e di C.O.N.I.;

Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;

Visto l’art. 55 cod. proc. amm.;

Visti tutti gli atti della causa;

Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 3 ottobre 2017 la dott.ssa Germana Panzironi e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Visto il decreto cautelare n. 5005/2017 con cui è stata respinta la domanda cautelare ex art. 56 del c.p.a.

Considerato che i presupposti richiesti dall’art. 55 del c.p.a., ad un esame proprio della sede cautelare, non appaiono sussistenti sia in relazione al fumus boni iuris, sia in relazione al periculum in mora;

ritenuto che, con riguardo a tale ultimo requisito, il danno prospettato da parte ricorrente appare recessivo rispetto all’interesse della Federazione e della Lega Pro all’ordinato svolgimento di due campionati, ormai iniziati, essendo state svolte, per entrambi, 5 giornate di calendario;

ritenuto, pertanto, di dover respingere la domanda cautelare.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Ter),

Respinge la domanda cautelare.

Condanna parte ricorrente al pagamento delle spese della presente fase cautelare, che liquida in euro 500,00 a favore di ciascuna delle parti costituite, oltre agli accessori di legge.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 3 ottobre 2017 con l’intervento dei magistrati:

Germana Panzironi, Presidente, Estensore

Alessandro Tomassetti, Consigliere

Francesca Petrucciani, Consigliere

IL PRESIDENTE, ESTENSORE

Germana Panzironi

LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE CAFFO:

“Andremo avanti fino a quando sarà fatta Giustizia. Percorreremo tutte le strade: amministrative, sportive e ordinarie. Anche penali se necessario.
La questione incomprensibile di questa vicenda è che Federazione e Lega Pro si sono rifiutate di eseguire un provvedimento della Corte Federale D’Appello, esecutivo secondo le norme sportive, che aveva accertato che Messina aveva giocato fino a fine campionato senza fideiussione.
Ci chiediamo perché ?
Qualcuno ci spieghi perché per la prima volta nella storia il Presidente Federale e la Lega Pro hanno impugnato un provvedimento del massimo organo di giustizia della Federazione.

Per la prima volta una società si trova come avversari la propria Federazione e la Lega di appartenenza in un caso dove avrebbe dovuto averle come alleate. Andremo fino in fondo per aver delle risposte alle nostre domande! Qualcuno prima o poi ci dovrà delle spiegazioni.”

(Immagine – Zoom24)

 

Leggi anche:

Lascia un commento