Reggio Calabria – Paola Serranò: “Tutti i 680 proprietari che hanno aderito al progetto Salvaguardiamoci proposto dall’amministrazione Falcomatà, saranno presto contattati per la verifica del rischio amianto”.

La consigliera Paola Serranò rassicura i cittadini: «tutti  i 680 proprietari che hanno aderito al progetto Salvaguardiamoci proposto dall’amministrazione Falcomatà, saranno presto contattati  per la verifica del rischio amianto».

A conclusione della campagna di sensibilizzazione all’auto censimento dei manufatti contenenti amianto presenti presso edifici ed abitazioni private, si è riunito a Palazzo San Giorgio lo scorso 13 dicembre, il  tavolo tecnico composto dalla delegata per la problematica amianto, consigliera Paola Serranò, l’assessore all’ambiente Giovanni Muraca, la dirigente comunale del Settore Ambiente,  Loredana Pace, la responsabile provinciale Arpacal  Giovanna Belmusto, e il Vice Comandante della Polizia municipale Luigi  Nigero.

Dichiara la Consigliere Paola Serranò a margine dell’incontro:

«Dopo una lunga pausa di apparente stasi, è stato fatto il punto sul percorso fin qui seguito. E’ stata confermata la volontà di offrire supporto tecnico ai 680 proprietari che si sono  censiti e attendono di conoscere se il manufatto segnalato dovrà essere smaltito o messo sotto sorveglianza. La manifestazione d’interesse rivolta alle ditte specializzate in interventi di bonifica dell’amianto, pubblicata il 1° settembre 2017,  ha consentito l’acquisizione  di cinque offerte  vagliate dal settore ambiente che sta provvedendo alla definizione di una specifica convenzione da sottoscrivere con la ditta  che ha presentato l’offerta economicamente  più vantaggiosa ».

«Una volta siglata la convenzione – precisa Serranò – la stessa ditta affiancherà gli agenti della polizia ambientale nei sopralluoghi degli edifici segnalati. L’ Arpacal  nonostante registri una grave penuria di personale tecnico, ha assicurato la propria disponibilità nell’ effettuare su segnalazione dell’Asp provinciale e del Comune, sopralluoghi per casi particolari, meritevoli di una valutazione più accurata e specialistica».

«Pertanto – sintetizza –  la dott.ssa Serranò –  possiamo rassicurare tutte quelle persone che negli ultimi mesi hanno sollecitato informazioni su quanto proposto dal progetto comunale “ salvaguardiamoci”:  saranno presto contattate ed attenzionate  per la verifica del rischio».

«A margine della nota – conclude la dott.ssa Serranò –  non possiamo non sollecitare ancora una volta  la Giunta Regionale  affinchè introduca  nel bilancio economico finanziario un contributo ai Comuni risultati dalla mappatura aerea fortemente a rischio per le elevate quantità di amianto presso i propri edifici pubblici, soprattutto scuole ed ospedali.  La Regione può e deve investire nella bonifica dell’  amianto e non solo sulla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. L’amianto va assolutamente e definitivamente allontanato dai nostri territori. Sono queste le scelte che piacciono ai cittadini e la politica deve saper percepire e soddisfare questi primari bisogni».

 

Leggi anche:

Lascia un commento