VIOLA – Rossato: “Abbiamo lanciato a noi stessi un gran segnale, ora dobbiamo confermarci”

Difesa, grinta, una crescita costante che sta portando Riccardo Rossato ad essere uno dei protagonisti della MetExtra Viola Reggio Calabria. La guardia neroarancio è stato l’ospite settimanale di Break In Sport, format radiofonico in onda sulla radio ufficiale Antenna Febea.
Domenica contro Tortona una gara importante sotto tutti gli aspetti, sia personali che di squadra.
“E’ stata una gara difficile come ci aspettavamo, ho giocato qualche minuto da playmaker, un ruolo nuovo per me ma grande all’aiuto dei miei compagni ho fatto una buona partita. Senza Chris tutti quanti ci siamo sentiti in dovere di dare qualcosa in più, lo stesso Roberts ci ha caricato, ci ha detto che prima di tutto viene il risultato della squadra”

La squadra è in un buon momento di forma
“Siamo riusciti ad ottenere tre vittorie consecutive, secondo me questo è un momento importante per capire che tipo di campionato vogliamo fare. Abbiamo lanciato un buon segnale prima di tutto a noi stessi. Ultimamente abbiamo espresso meglio il nostro potenziale, sta a noi mantenere questo entusiasmo anche nei nostri tifosi”

Dal punto di vista personale una crescita in diversi fondamentali
“ Sto lavorando tanto sotto la guida di Calvani, sto migliorando il mio tiro dalla lunga distanza. Grazie al coach e ai compagni che mi hanno dato fiducia anche dopo qualche errore ho continuato a lavorare.

Un commento sull’ultimo arrivo in casa Viola, Tommaso Carnovali
“ Carnovali ha avuto un grande approccio, lui è un tiratore puro ma Domenica ha dimostrato di essere anche un buon difensore. Per noi  la difesa è fondamentale e il fatto che chi sia arrivato da poco abbia già capito quello è che il nostro modo di giocare è un valore aggiunto”

I tifosi hanno lanciato l’hashtag “#RossatoPuò”, in poco tempo la guardia di Mestre ha convinto tutti.
“ Ho letto di questa iniziativa e mi fa molto sorridere. Spero di fare una gara solida, partendo dalla difesa, aiutando Caroti in regia e andare a Roma per vincere.

Leggi anche:

Lascia un commento