Reggio, l’accusa di Striscia la Notizia [VIDEO] e la replica del sindaco Falcomatà…

Dura, anzi, durissima, l’accusa fatta da Striscia la Notizia alla città di Reggio Calabria. Andata ieri sera in onda la puntata che ha visto “protagonista” la città in riva allo Stretto, con un servizio dell’inviata Rajae Bezzaz, riguardante lo stato in cui vivono i migranti allo Scatolone (struttura alle spalle della zona sud dello stadio “Oreste Granillo”) definendo Reggio Calabria come ultima città per accoglienza. Sentirsi dire certe cose, non fa affatto piacere ai cittadini, a maggior ragione dopo che, Reggio Calabria, negli ultimi anni, ha accolto migliaia di migranti.

https://youtu.be/e-yaEKmEKvY

Sui social è già scoppiata la rabbia dei cittadini reggini, in particolar modo, del primo cittadino Giuseppe Falcomatà che, con un post su Facebook ha ritenuto “offensivo ed in malafede” il servizio di Striscia la Notizia.

Falcomatà – “Il servizio di Striscia la notizia sullo Scatolone è offensivo ed in malafede. Ascoltare frasi come “nel campionato dell’accoglienza Reggio è all’ultimo posto” è un’offesa a tutti noi.

Reggio è elogiata da tutta Italia per come gestisce in modo virtuoso gli sbarchi quotidiani di migranti, andando ben oltre le nostre responsabilità.
Reggio è elogiata perché, con senso del dovere, grazie ai suoi volontari, non si è mai tirata indietro di fronte all’arrivo di una nave carica di persone che scappano da guerre e tragedie.
Reggio è elogiata perché, per la prima volta nella storia della nostra Repubblica, una casa confiscata ai boss della ‘ndrangheta è stata destinata ai più poveri.
Reggio è elogiata perché ha dato degna sepoltura a 45 migranti morti nel nostro mare.

C’è tanto altro ancora che Reggio ha fatto in tema di accoglienza. Risponderemo a chi offende il buon nome della nostra città, mostrando i dati di tutto ciò che ha fatto la nostra città in tema di accoglienza, inclusione e integrazione.

Vergogna vergogna vergogna! “

(immagine e video Striscia la Notizia)

 

Leggi anche:

Lascia un commento