REGGIO – Dopo la pausa estiva riaprono gli asili nido del Cedir, Archi e Gebbione

Grande festa agli asili nido comunali di Reggio Calabria. Dopo la breve pausa estiva questa mattina le strutture del Cedir, di Archi e Gebbione hanno riaperto battenti tornando ad ospitare i bambini delle famiglie che durante l’estate avevano inoltrato richiesta al Comune partecipando all’avviso pubblico.

L’Assessore alle Politiche Sociali del Comune Lucia Nucera questa mattina ha fatto visita alle strutture, gestite dalla Società Cooperativa vincitrice del bando La Garderie.

«Siamo molto soddisfatti del livello di cura e di attenzione che viene offerto ai nostri bambini – ha dichiarato l’Assessore – le strutture comunali sono davvero all’avanguardia e sono uno dei fiori all’occhiello del nostro sistema di servizi al cittadino. Ricordo che appena due anni fa la nostra città era completamente priva del servizio degli asili nido comunali. Oggi grazie alla grande caparbietà dimostrata dal Sindaco Falcomatà e dall’intera Amministrazione comunale, siamo passati da zero a tre asili nido. Un buon risultato soprattutto guardando da dove partivamo e considerando il fatto che i nidi non sono purtroppo inquadrati come servizi essenziali ma come servizi a domanda individuale e quindi non obbligatori».

«Devo dire che ad oggi – ha aggiunto l’Assessore Nucera – l’indice di gradimento delle famiglie beneficiarie del avviso pubblico risulta davvero molto alto. In tanti si sono complimentati per l’ottimo livello delle strutture, assolutamente adeguato alle esigenze dei piccoli ospiti, ai quali come Amministrazione teniamo davvero tanto».

«Dopo l’ottima esperienza dell’anno scorso, siamo convinti quest’anno di poter replicare sui servizi offerti, aprendo ancora di più le strutture alle esigenze del territorio, trasformandole in veri e propri riferimenti sociali per i quartieri in cui si trovano, facendo in modo che, soprattutto in vista delle ricorrenze e delle festività, i nidi possano coinvolgere in alcune attività non solo i genitori dei bambini, ma anche i nonni. Credo sia un obiettivo importante per il quale, di concerto con il settore e soprattutto grazie alla disponibilità della cooperativa assegnataria, lavoreremo nelle prossime settimane. Ricordo infine – ha concluso l’Assessore – che è possibile inoltrare ulteriori domande per l’iscrizione dei bambini ai nidi comunali. Ad oggi i posti disponibili risultano completamente esauriti, ma per esperienza sappiamo che potrebbero esserci delle rinunce o dei trasferimenti, in seguito ai quali durante l’anno potrebbero essere accettate nuove iscrizioni»

Leggi anche:

Lascia un commento