Agguato a Lamezia: morto noto penalista

Un noto avvocato penalista, Francesco Pagliuso, 43 anni, è stato assassinato nella notte a Lamezia Terme a colpi d’arma da fuoco. L’agguato si è verificato in via Marconi, tra i quartieri Nicastro e Sambiase. Pagliuso era impegnato come difensore in diversi processi di mafia.

La vittima era ancora all’interno della sua autovettura con la quale stava rincasando, quando una persona si è avvicinata e gli ha sparato alcuni colpi d’arma da fuoco. Il delitto sarebbe avvenuto intorno alle 22,30 di ieri, ma solo intorno alle 3,30 di stamane la a fidanzata ha chiamato i Carabinieri dopo aver tentato inutilmente di contattare il professionista per telefono.

Potrebbero essere determinanti ai fini delle indagini le riprese delle videocamere del sistema di sorveglianza dell’abitazione. I filmati mostrerebbero, infatti, le fasi del delitto, ed in particolare una persona che attendeva a bordo di un’auto la vittima, sparandole due colpi di pistola alla testa mentre scendeva dalla sua vettura, una Bmw. Pagliuso e’ morto sul colpo.

Il cadavere, all’arrivo degli inquireti, era ancora in auto, riverso sul sedile di guida, con lo sportello ancora aperto, nel cortile di casa, in via Marconi, dove la vittima abitava da sola.

Pagliuso e’ molto noto a Lamezia Terme sia per i suoi numerosi impegni professionali nell’ambito dei principali processi di ‘ndrangheta, sia per i suoi interessi economici. Recentemente aveva aperto un ristorante. Sull’omicidio stanno indagando i Carabinieri della locale compagnia e del repato operativo di Catanzaro.
(AGI)

Leggi anche:

Lascia un commento