Reggina, Basile: “So cos’è la Reggina, onorato di essere qua. I valori amaranto non si comprano al supermercato. Obiettivo…”

Le parole di Salvatore Basile, coordinatore dell’area tecnica della Reggina, durante la conferenza stampa di presentazione:

“Sono molto lieto di essere entrato in questa società e questo penso sia una cosa scontata. Per me è un onore essere qua oggi ad investire una carica importante ed affrontare questo percorso insieme a voi. Sono un figlio di questa terra, ci tengo ai rapporti e al rispetto.

Mi voglio giocare al meglio questa opportunità con lavoro, dedizione, passione, unghie e denti. Per me è una cosa veramente importante essere qui oggi, sono carico. So cos’è la Reggina e so cosa vuol dire far parte di questo mondo. I valori amaranto (tifo, blasone, storia) non si comprano al supermercato, sono onorato di essere qua.

Mi ritengo una persona determinata e mi piace lavorare, penso che lavorando si possono realizzare i sogni.

Credo tanto in Maurizi, noi sappiamo già da ora di aver fatto la scelta giusta ma sappiamo che la controprova sarà il campo, gli piace lavorare con i giovani.

Sul girone C – Questo girone è un po diverso rispetto agli altri, nei playoff le squadre dello stesso non hanno ottenuto grandi risultati. Qui c’è più agonismo ma meno qualità e si tende a fare una calcio più aggressivo mentre negli altri campionati è diverso. Però andare a giocare in piazze come Reggio Calabria, Lecce, Catania ecc… è emotivamente un fattore importante.

Ho visto diverse partite della Reggina e mi sono fatto un po un’idea. Dovremmo valutare i giocatori dell’anno scorso e quelli rientrati dal prestito per vedere se dobbiamo metterli sotto contratto o liberarli. Faremo una squadra di giovani perché pensiamo che con loro si possa lavorare meglio, non mi farò scappare questa opportunità di lavorare alla Reggina. Chiameremo tutti i calciatori per decidere il loro futuro. Vorremmo provare ad abbassare l’età media della squadra, è il nostro obiettivo. 

La comunicazione è alla base di una società di calcio, siamo aperti al dialogo verso tutti e verso la stampa.”

Leggi anche:

Lascia un commento