CATANZARO – Calciatori aggrediti da tifosi dopo il ko di Melfi. C’è anche un ex Reggina…

e92b95049ef38570311f58c6d3e82657-78454-95723157c8ebcac4750156d2b21ac04e

Ennesimo episodio di violenza nel calcio italiano, in particolare in Lega Pro. Nel terzo campionato italiano, un gruppo di tifosi è entrato in azione nel post-gara della partita Melfi-Catanzaro. Qui, i supporters calabresi, in seguito alla sconfitta della propria squadra (1-0),  hanno aggredito alcuni calciatori giallorossi, facendo anche danni alle vetture di dirigenti e calciatori stessi (del Melfi).

La società Catanzaro Calcio ha commentato, tramite una nota ufficiale apparsa sul sito ufficiale, l’aggressione subita dai suoi calciatori: l’attaccante Gomez ed il portiere Daniel Leone, ex Reggina.

“La Società Catanzaro calcio esprime una ferma condanna di quanto avvenuto ieri al termine della gara contro il Melfi, e manifesta piena vicinanza ai tesserati Gomez e Leone per la violenta aggressione subita all’esterno dello stadio “Arturo Valerio”. Si tratta di vicende che non hanno nulla a che vedere con lo sport, e che purtroppo rischiano di rappresentare una sconfitta per l’intera città e per l’immagine di una tifoseria che si è sempre contraddistinta, piuttosto, per civiltà, maturità e amore per la propria squadra. Siamo certi che si è trattato del gesto isolato di alcuni facinorosi, che auspichiamo vengano al più presto identificati e perseguiti, anche nell’interesse di una tifoseria che oggi viene ingiustamente additata all’opinione pubblica nazionale come aggressiva e violenta.  Siamo grati alle Forze dell’ordine che con il loro immediato intervento hanno evitato più gravi conseguenze, e soprattutto ai tantissimi tifosi giallorossi che in queste ore stanno facendo pervenire alla società attestati di solidarietà, dissociandosi da gesti di violenza che non appartengono alla storia e alla realtà di Catanzaro.”

Per i due calciatori prognosi di tre giorni, auguriamo un grosso in bocca al lupo all’ ex amaranto Daniel Leone, la Redazione di ReggioInforma.net gli è vicina.

(Immagine TMW)

 

You may also like...

Lascia una risposta