Lega Pro, al via la riforma del rating: “Ogni società verrà giudicata in base a criteri economici-infrastrutturali e sociali”. Tutte le info

lega pro

Standard minimi e buone pratiche per attribuire un rating ai club, premiare i più virtuosi e spingere i meno virtuosi a cambiare, riformando il calcio professionistico. Questo l’obiettivo con il quale nasce “il sistema di rating di Lega Pro”, iniziativa portata avanti dal presidente Gabriele Gravina  con l’obiettivo di adottarla nella sua Lega con la speranza che possa essere ritenuta di interesse anche dagli altri vertici del calcio e delle altre federazioni.

La riforma annunciata dalla Lega Pro parte dalla consapevolezza delle difficoltà del sistema a livello organizzativo e finanziario, e della forte contrapposizione di interessi tra le società di vertice e le società minori negli stessi campionati professionistici, le società dilettantistiche e quelle di base.

Di non minore rilevanza sociale e culturale, altre questioni come la valorizzazione dell’attività giovanile, la commercializzazione dei diritti televisivi, l’inadeguatezza dell’impiantistica sportiva, la distanza dei club dal territorio di riferimento e il rapporto con gli altri operatori del sistema sociale ed educativo, in primis la scuola, il numero delle società professionistiche e il relativo costo-sistema.

Negli ultimi anni il calcio ha perso credibilità verso il pubblico, il mondo finanziario e gli sponsor. La Lega Pro, da sempre  proiettata alla formazione dei giovani e della classe arbitrale e pioniera nella sperimentazione di nuove regole, istituirà un’apposita Commissione chiamata a valutare e verificare ogni anno, successivamente alla trasmissione dei bilanci, i dati forniti dai singoli club determinando i singoli punteggi e attribuendo il conseguente rating. Il sistema il riconoscimento di crediti derivanti da Standard Minimi (SM) e crediti derivanti da Buone Pratiche (BP) individuati a seconda delle priorità attuali della Lega Pro, prevede la necessità di ottenere complessivamente 80 crediti per SM e 120 crediti per BP. Il sistema di rating non si sostituirà e non si sovrapporrà al sistema delle licenze che rimarrà la base per l’ammissione al Campionato.

“Possiamo considerarla una vera e propria rivoluzione – annuncia Gravina –che sarà sottoposta al vaglio del Consiglio Federale per una valutazione “politica” di competenza. Il sistema di Rating punta a premiare i club più virtuosi e non deve essere considerato uno strumento punitivo, bensì uno stimolo al cambiamento e al miglioramento. Se è vero che come indirizzo generale è prevista la non ammissione al campionato per chi non raggiungerà lo standard minimo, è altrettanto vero che la Lega Pro concederà almeno tre anni di tempo per adeguarsi alle indicazioni previste e durante questo periodo di tempo aiuterà i club a raggiungere il traguardo. La Lega Pro, e il calcio professionistico, hanno bisogno di uno strumento che possa stimolare iniziative tese a superare le criticità generate dall’attuale sistema. . Da tempo sentivamo la necessità di una novità forte e innovativa. Riteniamo di averla trovata con il sistema di rating e offriremo la massima collaborazione a tutti coloro che vorranno condividerla e applicarla, nel calcio come in altri sport”.

Le quattro aree per l’assegnazione del punteggio avranno di conseguenza un peso diverso e un valore massimo indicato in termini percentuali rispetto al totale dei crediti: il settore “Economico – Finanziario, Societario e di Governance” peserà quindi per il 30% del totale dei crediti conseguiti; l’ “Infrastrutturale” per il 20%; le due aree “Politiche del settore giovanile” e “Relazione con il territorio e aspetti sociali” incideranno ognuno per la quota del 25%.

COMUNICATO LEGA PRO

You may also like...

Lascia una risposta