REGGINA CALCIO, NUOVA PESANTE TEGOLA: LA PROCURA SEQUESTA QUOTE SOCIETARIE

La Procura Della Repubblica di Reggio Calabria, con in testa il sostituto procuratore Stefano Musolino e del procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni, ha disposto il sequestro preventivo delle quote sociali della Reggina Calcio spa, appartenenti ad alcune società tutti in capo al presidente del sodalizio Lillo Foti.

Foti è indagato per bancarotta concordataria, insieme all’ad Giuseppe Ranieri. In pratica, secondo l’accusa della Procura, alcuni dei dati riportati nei vari documenti presentati dinnazi al Tribunale Fallimentare per disporre il via al concordato fallimentare, erano “non conformi e non corrispondenti alla realtà”.

La notizia riportata nel pomeriggio da ilDispaccio, ha dunque trovato conferma.

Ricordiamo che il 25 maggio era fissata l’udienza per decidere sul via libera, o meno, in merito al nuovo concordato preventivo presentato dal club amaranto e bocciato dal giudice Campagna qualche mese fa.

Con il sequestro dei manufatti del Centro Spirtivo Sant’Agata e i fatti di quest’oggi, il futuro della Reggina Calcio sembra irrimediabilmente segnato.

You may also like...

Lascia una risposta