Dilettanti – Il punto di Peppe Rotta su Serie D, Eccellenza e Promozione

SERIE D: continua il braccio di ferro tra Siracusa e Cavese, con il terzo incomodo Frattese. La squadra aretusea liquida il Rende nell’anticipo della 18^ giornata con Arena ex Reggina subito in gol, scavalcando cosi la Cavese soccombente a Fratta Maggiore, palesando ancora una volta il mal di trasferta. La Reggina, tra le mura amiche, continua a perdere il treno delle grandi, un pareggio che sta stretto al Due Torri, la vera rivelazione del campionato, da ieri la migliore difesa italiana. La Palmese non sa più vincere, con l’uomo in più per tutto il secondo tempo, (Catalano il secondo espulso di fatto è andato anzitempo negli spogliatoi nei secondi finali) si deve accontentare del pareggio contro una volenterosa Sarnese. Passo in avanti dell’Aversa Normanna che sbanca Agropoli. In coda continua a fare risultato il Lamezia, nel derby di Vibo ha vacillato ma non è crollata, lasciando l’amaro in bocca alla squadra di casa. Ottimo pareggio del Roccella a Scordia, la squadra Jonica, priva del suo condottiero Galati, colpito da Daspo, si fa raggiungere dai siciliani.

ECCELLENZA: il Roggiano, sui titoli di coda frena la fuga dello Scalea, la squadra cosentina, non ha sfruttato il pareggio tra le inseguitrici, Castrovillari e Sersale, squadre in corsa per la vittoria finale. Il CalcioGallicoCatona, si libera dell’Acri, lo scavalca in classifica e si propone in zona play-off, in arrivo un forte attaccante. Nell’anticipo di sabato, il Sambiase vince facile contro L’Isola Capo Rizzuto, quest’ultima partita con ambizioni di primato. Adesso l’attenzione dei lametini è rivolta alla finale di Coppa Calabria contro il Sersale. La Cittanovese, strano a dirsi, vince a Trebisacce e si tira fuori dalla zona calda. Manita per il Reggio Mediterranea contro i ragazzini della Taurianovese, la squadra di Crupi, in queste ultime settimana, sta dimostrando che ha voglia di tenere questa categoria. Colpo di coda del Cutro, che batte una arrendevole Brancaleone.

PROMOZIONE: un campionato falsato dall’estromissione del Marina di Gioiosa Jonica, una sconfitta di tutto lo sport calabrese, conosco molto bene le dinamiche che hanno portato a questa decisione e non entro in merito (ndr.). Faccio una riflessione, Consiglio Comunale, Lega Calabra, Istituzioni,  hanno messo in campo tutte le forze per evitare che una gloriosa squadra sparisse dal panorama dilettantistico?  Hanno pensato cosa significa il calcio per tanti ragazzi della ridente cittadina, in un contesto difficile? E’ stata stravolta la classifica, i primi diventano secondi i secondi diventano primi, si poteva evitare? Si poteva aspettare la fine del girone di andata? Il Locri uscito sconfitto, ringrazia e incassa i tre punti a tavolino. Il Siderno, retrocede in seconda posizione, senza beneficiare di punti. Tornando al calcio giocato, sia Locri che Siderno, rallentano la corsa, Il Locri si è fatto imbrigliare tra le mura amiche dalla Deliese, il Siderno ottiene un ottimo punto a Guardavalle squadra uscita rafforzata dal mercato autunnale. Il Bocale, esce dall’arena in quel di Serra San Bruno, con una grande vittoria, una gara da caccia all’uomo, dove i ragazzi di Filippo Cogliandro, sono stati bravi a non cadere nelle provocazione della squadra di casa. Bocale, che con il rientro di un grande come Laurendi, il ritorno di Natale Borghetto, sogna di guastare la festa a Locri e Siderno. Il Caulonia, dopo un inizio che ha fatto sognare i tifosi, stanno annaspando a metà classifica. Continua a stupire l’Aurora Reggio, che cala un poker a Bagnara. Il san Giuseppe, stecca a Soriano che rosicchia qualche punticino.

You may also like...

Lascia una risposta